Lo zucchero nel caffè: una scelta personale.

A Napoli, nei bar “veraci”, il caffè te lo danno già zuccherato. Ma puoi dirlo prima e non fartelo zuccherare. Magari ti guarderanno un attimo storto, ma te lo faranno amaro. Nel resto del mondo il caffè te lo servono amaro. Sul banco c’è lo zucchero, sfuso o in bustine. C’è lo zucchero bianco raffinato e quello di canna. C’è il dolcificante e il glucosio. C’è il miele o la cannella. C’è il latte freddo e il latte caldo. Con o senza schiuma. Ma puoi anche scegliere di berlo amaro. Ognuno sceglie come bere il suo caffè. E il cameriere, il barista, l’amico o il collega con cui prendiamo il caffè ci lasciano decidere come vogliamo berlo. Al massimo ci fanno una battuta se ci mettiamo troppo zucchero, ma nulla più. Mica ci obbligano a bere il caffè amaro se ci piace dolce o viceversa! E se anche a Napoli, patria mondiale dell’espresso, ci lasciano liberi di decidere se bere il caffè amaro, perché noi a volte, ci imponiamo e impaniamo agli altri le nostre idee o i nostro gusti? Perché dobbiamo dite agli altri “come bere il loro caffè”? Lasciamo che ognuno viva la propria vita, faccia le proprie scelte e cammini con le proprie gambe. Lasciamo che ognuno scelga come bere il suo caffè.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...