Una meno lecita risposta sulla storia.

I vincitori scrivono la storia ok. O comunque influenzano gli storici, che poi riempiono i libri, soprattutto quelli scolastici. Nella visione del vincitore, il perdente é sempre il colpevole. Il perdente o il vincente, però sono espressioni da conflitto e chi scrive la storia, spesso, riduce tutti gli avvenimenti ad una guerra. Una lotta tra stati, tra eserciti o tra ideologie. Quella che vince verrà ricordata come la migliore, quella che perde come la peggiore, come quella da cancellare. Nell’era della trasparenza e del “tutto online”, però, potremmo anche analizzare i fatti per come sono accaduti. Potremmo rivedere le fonti e scoprire che non tutto é andato come abbiamo letto o come ci hanno raccontato. Potremmo immaginare di riscrivere la storia non come un elenco di guerre e di lotte ma come una resoconto di quello che siamo stati. Imparando dal passando, potremmo migliorare il futuro, partendo dal presente. Con buona pace di chi ormai, la sua storia l’ha vissuta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...